In questo lavoro abbiamo montato dei mobili pensili Ikea, che dovevano essere appesi in un bagno, sopra il lavandino. Tutti i mobili pensili vanno fissati alla parete con dei tasselli, in questo caso però non abbiamo utilizzato i normali fori con le squadrette di fissaggio, perchè in questo bagno, come in moltissimi altri, ci sono le piastrelle che arrivano fino ad una certa altezza e creano un leggero dislivello con la parete su cui sono appoggiate. Dato che i pensili in questione dovevano essere collocati ad un altezza dove parte di essi era sul muro piastrellato e la parte più alta sulla parete senza piastrelle, è stato necessario fissarli con un altro metodo.

Utilizzando il sistema standard di fissaggio infatti, le viti non potrebbero entrare completamente nel tassello, con il rischio che il pensile rimanga sbilanciato. Aggiungere degli spessori dietro al pensile per colmare il dislivello, cosa che ho visto più di una volta, è una soluzione non ottimale, diciamo arrangiata; anche se, essendo in questo caso pensili del bagno, che solitamente non vengono caricati molto, potrebbe anche reggere senza problemi.

La soluzione invece che abbiamo utilizzato per eseguire il montaggio di questi pensili in modo sicuro, è stata quella di utilizzare delle barre che solitamente vengono usate per appendere i pensili della cucina. Per fare ciò abbiamo fissato dei ganci sui pensili per poterli successivamente appendere alla barra, precedentemente posizionata alla giusta altezza.

La barra va messa in bolla e fissata  sulla parete, inserendo i tasselli negli appositi fori e in corrispondenza dei ganci fissati sui pensili, in modo che il punto di ancoraggio sia solido e sicuro. Alla fine abbiamo legato i pensili insieme con delle viti, per creare un unico blocco in grado di garantire una maggiore stabilità.